I servizi

Tante esigenze, un solo partner globale

Gli impianti

Scopri gli impianti di trattamento e stoccaggio

national

Il servizio dedicato a chi opera in più zona del territorio nazionale

DIfe for Kids

Per trasmettere la nostra filosofia alle future generazioni

Dife Magazine

Il nostro approfondimento su Mondo Dife, Industria e Innovazione, Aggiornamenti normativi, Ambiente, Sostenibilità e tanto altro...

Contatti

Per informazioni e richieste di preventivo

news

approfindimenti dall'azienda

Chiarimenti del MEF sulla legge 116/2020

In occasione del “Telefisco 2021”, svoltosi lo scorso 28 gennaio, il Ministero dell'Economia e Finanze ha fornito alcuni chiarimenti relativi alle novità in materia di Tari.

Schema riassuntivo delle novità introdotte dalla legge

Cliccando QUI è possibile consultare l'elenco delle attività che producono rifiuti urbani simili.

Di seguito si riportano i quesiti posti al Ministero e le risposte fornite.

Le attività industriali sono comunque tenute al pagamento della quota fissa?

Alla luce del quadro normativo, il Mef ritiene che possano considerarsi produttive di rifiuti speciali le superfici di lavorazione industriale, le quali, conseguentemente, sono escluse dall’applicazione della Tari.
Allo stesso modo devono escludersi le superfici ove, a norma dell’art. 1, comma 649, della Legge n.147/2013, si formano, in via continuativa e prevalente, rifiuti speciali nonché i magazzini di materie prime e di merci funzionalmente ed esclusivamente collegati all’esercizio di attività produttive di rifiuti speciali.

Le attività industriali, producendo comunque rifiuti urbani nei locali ed aree diverse da quelle destinate a lavorazioni industriali (come Uffici, Mense, ecc.), sono tenute a pagare anche la quota variabile con riferimento a tali superfici?

Rimane ferma l’applicazione della Tari, sia per la quota fissa che per quella variabile, in riferimento alle superfici produttive di rifiuti urbani, come, ad esempio, mense, uffici, servizi, depositi o magazzini, non essendo funzionalmente collegati alle attività produttive di rifiuti speciali.

Per eventuali chiarimenti Vi invitiamo a rivolgerVi ai Vs. commerciali di riferimento oppure a contattarci ai nostri usuali recapiti:

  • info@dife.it
  • 0573 919515

Per un approfondimento generale sul d. lgs. 116/2020 Vi rimandiamo all'articolo su Dife Magazine: L'economia Circolare in Italia è legge: il d.lgs. 116/2020